I bambini dimenticati. Un delitto nei confronti dell'umanità.


Ancora non c'è una data per la riapertura delle aree ludiche, il comune di Roma non può garantire la costante pulizia e l'igiene, viene quindi rafforzata la sorveglianza della Polizia locale, chi viene colto sul fatto rischia una multa di centinaia di euro. Un dramma per i bambini che, dopo aver subito l'isolamento forzato, vengono privati del gioco e della socializzazione. Nel frattempo le strutture nei parchi subiscono il degrado dell'abbandono, così come i bambini, che sono il futuro, subiscono il degrado della personalità.

I bambini percepiscono gli spazi di gioco come un tramite attraverso il quale vivono esperienze in cui consolidano legami sociali.



Attraverso il gioco, il bambino incomincia a comprendere il funzionamento degli oggetti. Si parla di gioco funzionale, di una attività imitativa rispetto a situazioni reali. Il gioco funzionale consente di acquisire i primi caratteri rappresentativi. L'esperienza del gioco insegna al bambino ad essere perseverante e ad avere fiducia nelle proprie capacità; è un processo attraverso il quale diventa consapevole del proprio mondo interiore e di quello esteriore, incominciando ad accettare le legittime esigenze di queste sue due realtà.

Lo spazio in cui i bambini devono giocare deve permettere loro di muoversi in assoluta libertà, sperimentando la propria corporeità. Se, al contrario, i bambini sono costretti in spazi troppo piccoli, questo creerà loro delle frustrazioni, con dimostrate ricadute sulla qualità del loro apprendimento e sulla capacità di attenzione.


7 visualizzazioni
  • Vimeo Icona sociale
  • logo Meeting e congressi

©2018 by TRAMA VIDEO SERVICE. Proudly created with Wix.com